Leave a comment

COZ’s (Lisboa, Portogallo)

Tiago Teles, ingegnere telecom e neo-vignaiolo, sta conquistando pian piano la costa atlantica dal Nord al Centro Sud, facendo vini nel Minho (al confine con Galizia), Bairrada, Figueira da Foz e adesso Serra di Montejunto. Il progetto Coz’s è nato dall’amicizia con il marchese Antonio da Cruz, detto Toni, alter ego ideale, con un piede nella terra di Leiria e un labbro nei bicchieri buoni, che si è mostrato entusiasta di potere condividere i rischi e le gioie di questa nuova avventura che abbraccia vitigni diversi, ma mantiene un approccio naturalmente comune nel vino e nella viticoltura. Nel 2015 hanno resuscitato le vigne di João Mendonça della Quinta dos Cozinheiros, mancato brutalmente nel 2009, per produrre vini rossi a partire da una dominante presenza del vitigno Baga, con una fermentazione di uve rosse e bianche, dando C1 (vigna di Baga un po’ più giovane) e C2 (selezione della Baga più vecchia), affinati in seguito in barrique usate. Nel frattempo, stanchi di non sapere con certezza quale sarebbe stato il loro futuro nella zona di Figueira da Foz (Cozinheiros), hanno deciso di fare un passo verso giù, e di comprare una vigna di 40 anni, innestata nel locale, con suolo calcareo, di uva bianca Vital e rossa Aragonês, nella Serra di Montejunto, esposta ai venti oceanici per potere lavorare dalla A alla Z i loro vini. Così nel 2017 nasce Coz’s Vital, un bianco leggermente macerato (2 giorni) e vinificato in barrique usate sulle fecce.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: